consolle-gaming-gamification
Giulia Verzeletti

Giulia Verzeletti

Cos’è la Gamification e a cosa serve

3 Minuti

Quando si parla di stimolare gli utenti a compiere determinate azioni c’è un concetto strategico da conoscere: stiamo parlando della Gamification.

Essa, insieme ad altre attività, è un potente incentivo per vivacizzare programmi fedeltà oppure programmi referral.

Gamification, cos’è

La gamification (traducibile in italiano come “ludicizzazione”) è l’utilizzo di elementi mutuati dai giochi e delle tecniche di game design in contesti non ludici.

Wikipedia

Jonah Berger ne parla nel suo (consigliatissimo) libro “Contagioso“:

Uno dei modi in cui le meccaniche di gioco riescono a motivare gli individui è intrinsecamente legato al gioco in sè: a tutti piace riuscire a conquistarsi qualcosa.

Saper sfruttare le meccaniche di gioco significa anche aiutare le persone a pubblicizzare i traguardi che hanno conquistato. D’accordo, tutti possono parlare degli obiettivi raggiunti, ma avere un simbolo concreto e tangibile da mostrare a riprova di quanto si è ottenuto è decisamente meglio. 

Jonah Berger – Contagioso

Insomma, aggiungere questo elemento a un programma che prevede benefit in base alla fedeltà di un utente o in base a quante nuove persone può portare nella community permette di intrattenere maggiormente i partecipanti e farli interagire di più con l’azienda e col marchio.

Ma, concretamente, cosa significa fare Gamification? Vediamo insieme l’esempio di The Fork.

The Fork e gli Yum

The Fork è l’applicazione di Tripadvisor che permette di prenotare ristoranti che aderiscono al circuito a prezzi scontati.

Se andiamo a vedere nelle sezioni del profilo possiamo notare un bell’esempio di gamification da analizzare.

analisi delle leve di persuasione usate nell'applicazione The Fork

Nell’area fedeltà possiamo subito vedere la rappresentazione di Yums accumulati.

Cosa sono gli Yums di the Fork? Sono dei punti che l’utente ottiene svolgendo alcune attività. Nell’esempio che analizzeremo oggi faremo riferimento agli Yums ottenuti invitando amici a unirsi e prenotare con The Fork.

Insomma, un ibrido tra programma fedeltà e programma referral.

schermata-the-fork-yums-gamification

La visualizzazione del contatore di Yums è molto importante perché permette di avere sempre sott’occhio i traguardi raggiunti e, soprattutto, quelli successivi. Proprio come accade nei livelli dei videogame.

In questo modo l’utente è naturalmente incentivato a invitare nuovi amici nella community e farli prenotare con l’app, in modo da ottenere sempre più punti.

“Remunerare” il referral è un buon modo per provare a controllare il passaparola, uno dei metodi più potenti per generare nuovi clienti affidandosi a quelli già esistenti.

Questa è una delle tante pratiche che rientrano nel Retention Marketing, leggi qui sotto se vuoi approfondire l’argomento:

Le attività da svolgere per ottenere Yums sono varie, nel caso del “porta un amico l’applicazione funziona in questo modo:

schermata-the-fork-come-guadagnare-yums-referral

Le dinamiche vengono spiegate nel dettaglio, specialmente in termini di accredito degli Yums a prenotazione avvenuta.

Come ogni programma referral che si rispetti, ovviamente i bonus a disposizione sia per il segnalatore che per il nuovo utente sono appetitosi (in tutti i sensi).

schermata-the-fork-referral-yums

Programmi referral e programmi fedeltà: approfondimenti

Per concludere questo articolo ti lascio alcuni link per approfondire la struttura dei programmi fedeltà e referral:

Condividi post

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email